Sono così belle, a volte, le tue bugie

unnamed
In un bellissimo film di Emir Kusturica, “Underground“, c’è una scena dove i due protagonisti, due instancabili menzonieri, sono chiusi nella loro lussuosa villa. Lui si chiama Marko, lei Natalija, siamo in Serbia.

Continua a leggere “Sono così belle, a volte, le tue bugie”

Aspettando la sera dei miracoli

90876558_3090215667666381_1235005789991600128_o
È notte fonda, l’orologio avanti di un’ora, eppure la vita è completamente immobile.
C’è una profonda intimità stanotte, spengo tutto, cerco qualcosa da ascoltare che mi faccia compagnia. Inizio con un brano di Eddie Vedder, “Long night” fa parte della colonna sonora del film “Into the wild”. Continua a leggere “Aspettando la sera dei miracoli”

Arte come rivoluzione

Bowie e il muro di Berlino
Io, io riesco a ricordare (mi ricordo)
In piedi accanto al Muro (accanto al Muro)
E i fucili sparavano sopra le nostre teste
(sopra le nostre teste)
E ci baciammo,
come se niente potesse accadere
(niente potesse accadere)
E la vergogna era dall’altra parte
Oh possiamo batterli, ancora e per sempre
Allora potremmo essere Eroi,
anche solo per un giorno.
Heroes (David Bowie), 1977
Il 6 giugno del 1987 David Bowie si esibisce a Berlino (parte occidentale). Per l’occasione sceglie una location molto particolare di fronte all’edificio, ormai un rudere a memoria del bombardamento durante la seconda guerra mondiale da parte dell’armata rossa, il Reichstag.